ACIREALE: UN SUCCESSO PER LA GIORNATA ECOLOGICA SI REPLICA DOPO PASQUA

Acireale – «E’ stata una Giornata ecologica molto ben riuscita. I cittadini acesi hanno dato esempio di grande civiltà. Avevano bisogno di liberare le proprie case e di conferire rifiuti ingombrati e materiale elettrico ed elettronico, lo hanno fatto in modo corretto, rispettando l’appuntamento. Capiamo che nonostante il servizio di ritiro a domicilio funzioni, spesso è necessario avere tempi più rapidi, pertanto ripeteremo l’iniziativa subito dopo Pasqua, nell’attesa che sia aperto il CCR che la Tekra sta allestendo in zona Tupparello, dove i cittadini potranno conferire quando vogliono le diverse tipologie di rifiuti». L’assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Acireale, Francesco Fichera, all’indomani della domenica ecologica, che si è svolta ieri allo scalo merci della vecchia ferrovia, fornisce i dati e ringrazia gli acesi che non hanno mancato l’appuntamento.

Sono stati raccolti 18 tonnellate di rifiuti ingombranti e 15 metri cubi di RAEE.

«Purtroppo a fronte di tanta collaborazione, c’è ancora qualcuno che continua ad abbandonare indiscriminatamente rifiuti in strada in diversi punti della città, un atteggiamento che risulta ormai preoccupante. I controlli sono stati intensificati, il fenomeno deve essere eliminato».

Si ricorda che il servizio di raccolta ingombranti e RAEE avviene su prenotazione ed è necessario fissare un appuntamento chiamando il numero verde 800 193 750.

 

U.S. Lc

ACIREALE: IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA L’ISTITUZIONE DELLE GUARDIE AMBIENTALI VOLONTARIE

Acireale- Ieri il consiglio comunale di Acireale ha approvato all’unanimità il Regolamento per l’istituzione della figura di guardia ambientale comunale volontaria”. La delibera approvata dalla giunta è stata presentata in aula dal comandante della polizia municipale Antonio Molino, incaricato dall’amministrazione di redigere il regolamento per implementare l’azione volontaria di contrasto all’abbandono e al deposito incontrollato di rifiuti sul territorio comunale.

«Considerati i casi che continuano a verificarsi quotidianamente su tutto il territorio comunale, i sette soggetti impiegati per la vigilanza ambientale sono più che insufficiente e se questi comportamenti incivili persisteranno il numero dei soggetti da mettere in campo sarà sempre insufficiente. Ho voluto dare al regolamento un taglio diverso rispetto a tanti comuni, in linea con la giurisprudenza in materia, le guardie non avranno una potestà di accertamento propria, ma in quanto volontari incaricati di pubblico servizio, avranno la possibilità di fare segnalazioni opportune e documentate, che diventeranno verbale di accertamento fatto proprio dalla polizia municipale e notificato all’utente. Preponderante, in questa fase di avvio del porta a porta, sarà la funzione educativa e informativa sul corretto conferimento dei rifiuti», – ha spiegato Molino-. Ho già incontrato un’associazione disponibile e avremmo già 16 persone da affiancare al nostro servizio».

All’approvazione del regolamento, seguirà la stipula di un protocollo d’intesa e di apposite convenzioni con associazioni e cittadini interessati.

L’assessore alle Politiche Ambientali, Francesco Fichera, ha ringraziato l’aula, il comandante Molino e le commissioni per il lavoro svolto e ha inoltre sottolineato l’importanza del ruolo dei consiglieri comunali nel territorio nella fase di avvio della raccolta differenziata.

«Non è una novità l’istituzione della figura della guardia ambientale volontaria, è una pratica inserita tra quelle virtuose assunte da diversi comuni, ma è un altro passo avanti. Arriviamo in ritardo di 10 anni alla differenziata, ma oggi ci siamo arrivati, con fatica e con spirito di abnegazione. Il sistema in molte zone funziona, le percentuali quotidiane sono elevate, adesso si tratta di comprimere fino alla totale repressione alcuni fenomeni che persistono per indolenza e cattive abitudini. Questo strumento ci consentirà di avere più figure sul campo, ci interessa che abbiano intanto funzione di educazione sul corretto conferimento dei rifiuti, l’aspetto repressivo non può non esserci ci consentirà di mettere ordine, in modo che ad Acireale non si parli della differenziata come rivoluzione ma ordinarietà conquistata nel 2017».

G.M. n. 22 del 15.02.2017

Us Lc

ACIREALE, -RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA- L’ASSESSORE FICHERA FA IL PUNTO SULLA SITUAZIONE. GIOVEDì UN ALTRO INCONTRO CON I CITTADINI “LUNEDI’ 20 MARZO PARTE ANCHE LA ZONA 1”

Acireale – Stamattina al Palazzo di Città l’assessore alle Politiche Ambientali, Francesco Fichera, ha incontrato la stampa per fare il punto sul servizio di raccolta differenziata porta a porta.

«Giovedì 16 marzo alle ore 18.00 nei locali dell’Ex Angolo di Paradiso alla Villa Belvedere si terrà un ulteriore incontro informativo. Tutti i cittadini che hanno bisogno di chiarimenti sono calorosamente invitati a partecipare,- ha esordito Fichera-. Il servizio è stato avviato anche nelle zone 2 e 3, dove ci sono diversi condomini e alcuni non hanno esposto i contenitori, ma oggi è andata meglio di ieri. Abbiamo effettuato diversi sopralluoghi per risolvere eventuali problematiche o disfunzioni e ci aspettiamo un miglioramento della situazione già dai prossimi giorni. Lunedì 20 marzo continueremo con il Piano e avvieremo il servizio nella zona 1, costituita da grandi condomini, (che comprende piazza Europa, viale Principe Amedeo, corso Italia, il resto di corso Umberto e corso Sicilia). Con la zona 1 serviremo 6.800 utenze delle 25.000 del Comune di Acireale. Siamo a un quarto del cammino, andiamo con i piedi di piombo in queste zone, incontriamo amministratori e condomini e stiamo risolvendo ogni criticità manifestata dai singoli. Devo ringraziare alcuni degli amministratori e la gran parte della città che collabora. Invito tutti, anche coloro che pensano che il problema non li riguardi, ad intervenire all’incontro di giovedì o a chiamare l’Ufficio Ambiente. Certamente mettere tutto in un sacchetto e buttarlo nel primo cassonetto era più semplice, c’è una parte di città che pensa che si possa indietro, ma li rassicuriamo, Acireale ha svoltato e il sistema di differenziata porta a porta sarà esteso a tutti. Stamattina in seguito ai controlli in via Verdi e in via Fichera, sono stati elevati quattro verbali. O ci si adegua o si cambia città. L’amministrazione è disponibile al dialogo e ad organizzare incontri per risolvere tutte le criticità, gli uffici funzionano, il personale è disponibile, non c’è ragione per cui ad Acireale non si possa fare la raccolta differenziata, come in tante altre città italiane».

 

ELENCO STRADE ZONA 1

  1. AMEDEO PRINCIPE VIALE
  2. D’ACQUISTO S. PIAZZA
  3. EUROPA PIAZZA
  4. INDIRIZZO PIAZZA
  5. ITALIA CORSO n.1 – n.65 / n.2 – n.78 (da P.zza Indirizzo a C.so Savoia)
  6. LOMBARDIA VIA
  7. MONTALE E. VIA
  8. PIEMONTE VIA
  9. SAVOIA CORSO n.182 – n.136 (da Viale P. Amedeo a via Martinez)
  10. SCIONTI DOTT. O. VIA
  11. SICILIA CORSO n.77 – n.113 / n.70 – n.110 (da P.zza Europa a C.so

Italia)

  1. UMBERTO I CORSO n.191 – n.257 / n.176 – n.230 (da via Fabio a P.zza

Indirizzo)

  1. VENETO VIA n.3 – n. 27 / n.62 – n.78 (da via Martinez a viale

P.Amedeo)

 

us lc

ACIREALE, -EX STABILIMENTO ACQUE POZZILLO- E’ INIZIATA LA MAPPATURA. “SUBITO DOPO, L’INTERVENTO SULLE ZONE Più CRITICHE DI UNO DEI SITI SICILIANI CON LE PIU’ ALTE CONCENTRAZIONI DI AMIANTO”

Acireale – «E’ una giornata storica per la comunità di Pozzillo, per la città, per tutti noi. Siamo entrati nell’ex stabilimento delle acque minerali, con il progettista e la ditta incaricata di eseguire la mappatura di tutte le lastre di amianto che coprono i capannoni e che sono depositate all’interno. Subito dopo si comincerà con la rimozione dei fogli maggiormente deteriorati. Abbiamo stanziato dal Bilancio circa 300 mila euro, tra mappatura e smaltimento, e con questa cifra andiamo avanti con l’intervento. Ci servono ulteriori risorse e proporremo alla Regione, tramite l’onorevole D’Agostino, che sia possibile attingere ad un fondo di rotazione affinché i Comuni possano intervenire sui siti pericolosi per la salute dei nostri concittadini. Dopo l’ecomostro interveniamo concretamente su una questione di ambiente, legalità, ma soprattutto, in questo caso, pericolosa per la salute della collettività», ha dichiarato il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, dopo un primo sopralluogo all’interno all’ex stabilimento delle Acque Pozzillo, tra i siti siciliani con le più alte concentrazioni di amianto.

La Guardia di Finanza, su disposizione dell’Autorità giudiziaria, stamattina ha rimosso temporaneamente, (per i prossimi 50 giorni), i sigilli ai capannoni, per consentire alla ditta incaricata dal Comune di Acireale di eseguire la uno studio di valutazione del rischio e la mappatura dell’amianto.

Lo studio è propedeutico agli interventi di rimozione. Maurizio D’Angelo, geologo e tecnico senior della ditta incaricata ha spiegato alla stampa che saranno classificati i materiali da rimuovere, si avrà un dettaglio delle zone più o meno critiche con l’assegnazione della priorità in modo da ottimizzare nei tempi e nei modi l’intervento. Già dopo il primo accesso i tecnici hanno parlato di “situazione è variegata”, lo stato dei materiali è in alcuni punti molto critico, in altri accettabile.

Con il finire degli anni 90 si interrompe la produzione dell’acqua minerale “Pozzillo” e l’enorme stabilimento a ridosso dell’omonima frazione marinara acese chiude i battenti. L’ex stabilimento Acque Pozzillo, acquistato successivamente dalla Sidoti Acque, diventa simbolo di un fallimento e viene abbandonato e dimenticato. A distanza di qualche anno la comunità pozzillese, il parroco, il consigliere comunale Rito Greco accendono i riflettori su quei capannoni fatiscenti, diventati un pericolo per la salute della popolazione. Le lastre grigie di eternit che ricoprono una superficie di circa diecimila metri quadrati sono ben visibili.

«Ci siamo mossi con determinazione e concretezza. La strada per la bonifica dell’area è in salita, ma l’avvio dell’intervento è un segnale che questa Amministrazione non ha fatto dichiarazioni a vanvera, ma ha agito nel silenzio per portare a compimento una questione di civiltà ambientale», ha dichiarato l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Fichera.

«Vivo questo momento come un evento, perché si chiude una strada aperta tantissimi anni fa, quando con la prima interrogazione fatta in Consiglio comunale sollevai ufficialmente il problema e il rischio collegato a un sito industriale in abbandono con una distesa di amianto tanto grande, una delle più grandi della Sicilia,- ha dichiarato Rito Greco-. Dobbiamo andare avanti, affinché venga bonificato del tutto un sito che dovrà poi essere recuperato come area di interesse collettivo».

Davanti all’ex stabilimento Pozzillo erano presenti le forze dell’ordine, i deputati regionali Angela Foti e Nicola D’Agostino, ex dipendenti della Pozzillo, cittadini e rappresentanti del Consiglio comunale.

L’imput parte dal Comune di Acireale, ma indispensabile per portare a compimento la bonifica di tutta l’area sarà il sostegno della Regione, ha evidenziato il sindaco.

«Dobbiamo ripetere l’operazione ecomostro. Abbiamo la legge 10 del 2014 che ci permetterebbe di avere gli strumenti giusti. Stanziare una somma in un fondo di rotazione con lo stesso principio della rivalsa in danno può essere una soluzione», ha affermato Nicola D’Agostino.

us

 

 

ACIREALE: GIOVEDI’ 2 MARZO INIZIA LA MAPPATURA DELL’EX STABILIMENTO DELLE ACQUE POZZILLO  

Acireale – La città si appresta a vivere una giornata storica. Giovedì 2 marzo la Guardia di Finanza toglierà i sigilli all’ex stabilimento delle Acque Pozzillo.

Alle 9.30 alla presenza del sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, inizierà ufficialmente la mappatura dell’area sottoposta a sequestro. Sarà il primo passo per la bonifica dell’area, tra i siti siciliani con le più alte concentrazioni di amianto.

 Negli anni ’90 si interrompe la produzione dell’acqua minerale “Pozzillo” e l’enorme stabilimento a ridosso dell’omonima frazione marinara acese chiude i battenti. L’ex stabilimento Acque Pozzillo, acquistato successivamente dalla Sidoti Acque, diventa simbolo di un fallimento e viene abbandonato e dimenticato.

Nel 2010 la comunità pozzillese, il parroco, il consigliere comunale Rito Greco accendono i riflettori su quei capannoni fatiscenti, diventati un pericolo per la salute della popolazione.

Le lastre grigie di eternit che ricoprono una superficie di circa diecimila metri quadrati sono ben visibili. Le strutture in fibra di cemento – amianto sono sfaldate, denunciano, le spore che si sprigionano da esso sono portate dal vento anche ad enormi distanze, la situazione è allarmante.

La vicenda giudiziaria inizia nel 2013, quando la Guardia di Finanza dispone il sequestro dell’area a seguito dell’intervento dell’ASP di Palermo.

Le analisi parlano chiaro e certificano la presenza di microparticelle di amianto. Le lastre di copertura dei capannoni sfaldandosi per l’usura del tempo liberano fibre estremamente dannose per la salute dei cittadini.

Il Comune di Acireale emette un’ordinanza che intima alla Sidoti Acque di intervenire immediatamente eliminando il pericolo per la pubblica incolumità, ove la stessa risultasse inadempiente, il Comune sarebbe intervenuto in danno. La Sidoti Acque non interviene, impugna l’ordinanza e si appella al TAR e al CGA.

Il giudizio è unanime e a soccombere è la proprietà.

E’ il 2014 , si insedia l’attuale Amministrazione guidata dal sindaco Roberto Barbagallo. L’assessore all’Ambiente ed al Contenzioso, Francesco Fichera, rende noto che il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, con ordinanza n. 394/2014, ha respinto l’appello proposto dalla società proprietaria dello stabilimento sito a Pozzillo, destinataria della nota ordinanza di rimozione e smaltimento rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi L’Amministrazione del Comune di Acireale dà pronta esecuzione all’ ordinanza.

La Sidoti Acque non intende osservare la disposizione e viene denunciata per l’ipotesi di reato di inquinamento ambientale.

Il Comune di Acireale si costituisce parte civile nel procedimento penale e arriva la conferma del rinvio a giudizio per la Sidoti Acque, società titolare dello stabilimento ex Acque Pozzillo.

L’amministrazione Barbagallo dà concreto avvio alla risoluzione del problema. Dà incarico a un professionista al fine di provvedere alla mappatura complessiva del sito, atto propedeutico alla rimozione dell’amianto e alla bonifica del sito.

Dopo la demolizione dell’ecomostro della Timpa di Acireale arriva un altro atto importante dell’Amministrazione Barbagallo di rispetto dell’ambiente e della legalità. E in questo caso anche un intervento improcrastinabile a tutela della salute pubblica.

us L.c

 

Acireale Gestione rifiuti: Sembra tornata la calma dopo lo stato di agitazione degli operatori ambientali

Acireale Gestione rifiuti – Sembra tornata la calma sullo stato di agitazione proclamato dalle sigle sindacali Fiadel e Ugl che hanno visto gli operatori ambientali riuniti  ieri in Piazza Duomo in un Sit-in.

Una delegazione è stata ricevuta a Palazzo di Città dall’ assessore all’Ambiente Francesco Fichera e dopo una riunione a porte chiuse durata circa un’ora i toni sono sembrati più distesi e pacati.

Al di la dei motivi del contendere reclamati dagli operatori con un comunicato e la risposta della Tekra (vedi articolo), anche l’assessore all’ambiente Francesco Fichera era intervenuto con un post su facebook e nella stessa serata aveva riferito in Consiglio Comunale.

Di fatto il motivo scatenante è stata la mancata presenza della Tekra e dell’Amministrazione ad una riunione richiesta dai rappresentanti sindacali dei lavoratori, ma come si evince dall’intervista, sia l’Amministrazione quanto la Tekra dichiarano di non aver ricevuto nessuna comunicazione di convocazione.

I toni pesanti erano circolati anche sui social, tra alcuni lavoratori che avevano risposto al post dell’assessore Fichera. Lo sfogo, da parte dell’assessore, era chiaramente dettato dal momento delicato, ovvero l’avvio della differenziata, che rappresenta una svolta epocale per tutti, e che, non può essere minata da battute d’arresto che ne rallentano la programmazione, lo svolgimento, il completamento e l’avvio in tutto il territorio acese.

Adesso la calma sembra tornata, auspichiamo nel più breve tempo la risoluzione di qualsiasi tipo di controversia tra lavoratori, azienda e amministrazione.

Le interviste

As

Acireale Gestione Rifiuti: Gli operatori ambientali annunciano lo stato di agitazione e un Sit-in per domani, la Tekra risponde è “illegittimo”.

Acireale Gestione Rfiuti – Gli operatori ambientali annunciano un Sit-in per domani, la Tekra risponde è “illegittimo”.

E notizia di oggi dello stato di agitazione proclamato dalle sigle sindacali Fiadel e Ugl  con una assemblea degli operatori ecologici dalle 10 alle 12:30  ad ogni fine turno, e a seguire un corteo che si muoverà da via San Girolamo sede dell’autoparco della Tekra fino a Piazza Duomo. Oggetto del contendere sono gli “scatti figurativi” il ritardo nella consegna delle buste paga e l’attivazione del Fsda (assistenza sanitaria integrativa)

Bastano questi elementi per proclamare uno stato di agitazione? A poche settimane dall’inizio della differenziata e a pochi giorni dall’inizio del Carnevale.

Abbiamo contatto il direttore della Tekra l’Ing. Giacomo Conte il quale ci ha inviato questa nota:

Della questione “scatti figurativi”, ovvero di un ulteriore emolumento netto per €/annui 1.084,56 che i lavoratori hanno preteso in virtù di una sentenza del tribunale di Catania molto datata nel tempo e legata a precedenti gestioni di cui TEKRA non ha conoscenza,  le confermo che detto importo, cui corrisponderebbe un onere ulteriore per i cittadini di oltre € 165.000 annui, non veniva evidenziato agli atti di gara, né dal precedente gestore (Senesi S.p.A.), nonostante fosse stato richiesto espressamente per ben due volte.

All’atto del passaggio di cantiere presso la DTL di Catania nel settembre 2016, il tema fu accennato dalla parti sindacali senza alcuna produzione di documentazione e, a specifica domanda rivolta alla Dirigente dell’ufficio preposto, fu risposto che la pretesa costituiva una consuetudine dei dipendenti del comune di Acireale, ben diversa dal concetto di diritto acquisito.

Successivamente al subentro nella gestione del servizio da parte di TEKRA, decorso in data 01/10/2016, le parti sindacali trasmisero la sentenza allegata, emessa in data 18-12-2007 dalla quale appare di capire che quanto preteso, per cui parte resistente fu condannata, riguardava la liquidazione di indennità all’epoca non contemplate dal vigente CCNL, ma concordate mediante sottoscrizione di accordo di secondo livello e quantificate con l’azienda all’epoca gestore e poi non pagate.

Dette indennità sono ad oggi già incluse nel CCNL applicato e vigente, e pertanto la fondatezza della pretesa avanzata, anche in virtù della valenza della sentenza esibita (sentenza di solo primo grado), sarebbe tutta da verificare.

A seguito dell’incontro tenutosi tra TEKRA e parti sindacali in data 02/12/2016, l’Azienda ha espresso la problematica all’Ente, richiedendo l’avvio di un apposito procedimento istruttorio volto alla revisione del canone di appalto.

L’ente comune, in assenza di elementi certi inerenti il presunto diritto dei lavoratori, ha richiesto nei giorni scorsi a Tekra di corroborare la propria richiesta con apposito parere legale pro-veritate, cui seguirà, presumibilmente, pari iniziativa da parte dell’ente per verificare e accertare la fondatezza di quanto richiesto.

 Appare pertanto quantomeno fuori luogo, nonché certamente illegittime, le iniziative intraprese dalle sigle sindacali Fiadel e UGL, che continuano a distinguersi per la continua disattenzione alle problematiche dei lavoratori, nonché alla tutela dei privilegi di pochi eletti, senza mai apportare un contributo in termini fattivi alle attività in essere, che di contrario puntano a una rivoluzione culturale nell’approccio alle problematiche in materia ambientale.

Noterà che lo stato di agitazione proclamato da FIADEL è basato sull’assenza di TEKRA a un presunto tavolo conciliativo convocato presso la DTL per le ore 10:30 del 10/02/2017, a cui la TEKRA stessa non è mai stata invitata, come chiarito nella nota di riscontro prot. 559 del 11/02/2017.

 La Tekra, se in data 02/12/2016 nell’incontro con le parti sindacali ha chiarito che non intende violare alcun diritto dei lavoratori, ammesso che venga stabilito che le pretese avanzate costituiscano un diritto, non può prescindere dalla condivisione di tali aspetti con l’Ente comune, considerato che, dati gli importi ipotizzati, l’azienda subirebbe evoluzioni tanto pregiudizievoli da condurre allo stato di insolvenza e quindi alla dissoluzione.

La Tekra, nel riconoscere i diritti di tutti i lavoratori, deve tuttavia proteggere con la massima responsabilità e attenzione la propria attività di impresa, che ad oggi costituisce fonte di reddito e sostentamento per oltre 800 famiglie italiane.

20161215 – 2846 – ALLEGATO 1 – SENTENZA TRIBUNALE DI CATANIA 18-12-2007

20170211 – 0505 – PROCLAMAZIONE STATO AGITAZIONE 

20170211 – 0506 – INDIZIONE ASSEMBLEA PER IL 17-02-2017 

20170211 – 0559 – Allegato 01

20170211 – 0559 – RISCONTRO PARTI SINDACALI STATO AGITAZIONE

 

Acireale zona Suffragio: “la differenziata e la svolta del porta a porta”

Acireale zona Suffragio – “La differenziata e la svolta del porta a porta”  ad Acireale non è più un utopia.

La differenziata è partita da più di una settimana al quartiere Suffragio, nelle zone  4 e 5, da stasera anche la zona 6, in un territorio suddiviso in 25 zone.

Siamo andati al quartiere Suffragio per vedere come hanno reagito i cittadini a questo cambiamento.

Ad accompagnarmi  Fernanda Visalli,  da sempre impegnata nella pulizia del quartiere e da sempre protagonista di atti di civiltà, Fernanda (che ringrazio per la disponibilità che ha voluto riservarmi) è un valido aiuto per la comunità del Suffragio, che le si rivolge per ogni informazione, lei a sua volta  usa un linguaggio semplice e sa catturare l’attenzione, peraltro, venendo da Modena dove la differenziata si fa da anni, ha certamente più conoscenza e dimestichezza, di chi si approccia alla differenziata per la prima volta.

Il Suffragio oggi si presenta sicuramente più pulito e organizzato, il personale della Tekra fa sentire la sua presenza e la comunità sta facendo la sua parte. Non resta che augurarci che tutto il territorio venga raggiunto il prima possibile.

Un ringraziamento particolare a Fernanda Visalli per avermi accompagnata al Sig. Ferlito, al Sig. Antonino, alla Signora Mirella e al personale della Tekra per avermi permesso questa pubblicazione.

Ho raccolto alcune testimonianze in questo video

Photogallery

As

Acireale gestione rifiuti : Svolta epocale e il tentativo di un’opposizione di fare notizia?

Acireale, Gestione Rifiuti – Svolta epocale e il tentativo di un’opposizione di fare notizia?

Un botta e risposta tra l’ex assessore all’Ambiente Gaetano Leonardi, l’assessore in carica Francesco Fichera e il Sindaco Roberto Barbagallo, carte alla mano e tutto sembra risolversi in una bolla di sapone, almeno per il momento.

L’oggetto del contendere e’ il CCR di via Catusi ed il finanziamento della Regione Siciliana per il suo allestimento.

A detta dell’ex assessore Gaetano Leonardi, che convoca una conferenza stampa al Bar Belvedere di Acireale, il finanziamento per l’allestimento del CCR in Via Catusi, non verrà erogato perché il progetto è scaduto. Non si fanno attendere le risposte, immediate del Sindaco Roberto Barbagallo e dell’assessore Francesco Fichera,  supportate dalla documentazione e che smontano nel giro di mezz’ora l’apparato verbale che voleva avere tutto il sapore di uno scoop, nelle dichiarazioni di Leonardi.

«L’iter del finanziamento di fatto sta andando avanti tanto che la Regione Siciliana al fine di emettere il decreto ha richiesto al comune di Acireale integrazioni che l’amministrazione sta provvedendo a produrre in tempi celeri. Sostanzialmente si tratta dello stesso finanziamento (fondi non utilizzati) che l’amministrazione precedente ha perso prima nel 2004 e poi nel 2010 e ripresi dall’amministrazione Barbagallo» – ci spiegano in conferenza stampa sindaco e assessore.

Il tentativo di un’opposizione di fare notizia?

Dispiace per l’ex assessore Leonardi, imprenditore stimato ed ex assessore all’ambiente nella coalizione di Forza Italia, che nei due anni di mandato con l’Amministrazione Garozzo si è speso con passione e che avremmo voluto vedere a fianco di Fichera, visto che il progetto perseguito è lo stesso, e che, piaccia o no rappresenta per la città una “svolta epocale”. Ma ancor di più non si comprende quale sia stata la ragione che ha spinto Leonardi a prestare la faccia ad un “paio” di giovani che costituiscono un movimento di opposizione extra consiliare come Officina Acireale invece di vedere la scesa in campo della sua “eminenza grigia” rimasta per qualche oscura ragione dietro le quinte.

Intanto l’assessore Fichera incassa i primi successi, la differenziata in centro storico partita ormai da una settimana, sta dando i risultati sperati, ed anche se il CCR non è ancora pronto, siamo coperti dalle convenzioni che il comune ha stipulato, per il conferimento dei rifiuti riciclabili, la risposta civile dei cittadini fa ben sperare ed è auspicabile, vedere oltre i cittadini, forze di opposizione e amministrazione coesi nel perseguire lo stesso risultato per il bene della città, anziché rallentarne il lavoro.

Un lunedì mattina movimentato ed un tentativo fallito, ma che serva ancor di più da sprone per andare avanti, buon lavoro dunque a “Tutti Noi..”in riga differenziamo!

As

la documentazione

le interviste

 

 

 

 

 

Acireale Porta a porta: “La città risponde, il sistema funziona e la vigilanza è massima”

Acireale Porta a porta – La città risponde e il sistema funziona…con grande gioia di chi ha a cuore la pulizia e il decoro della città.(ndr)

Sono bastati solo pochi giorni perché i cittadini rispondessero positivamente al nuovo sistema di raccolta differenziata, sintomo che questa città vuole raggiungere gli indici di vivibilità che merita.

Si evince dalle foto pubblicate stamattina nel suo profilo personale, dall’assessore all’Ambiente Francesco Fichera e accompagnate da un breve commento «Dai Acireale che comincia a funzionare. Ecco la pulizia e l’ordine di un sistema correttamente progettato.
Andiamo avanti. Grazie a tutti quei cittadini che in pochi giorni hanno compreso l’importanza del nuovo sistema di raccolta e grazie ad operatori ecologici e controllori per le attività di educazione svolte in questi primi due giorni».

Nei giorni scorsi durante l’incontro con gli Amministratori Condominiali, l’assessore non aveva lasciato spazi a dubbi, né sul sistema adottato per raccolta differenziata, nè tantomeno sul sistema di vigilanza dichiarando ai giornalisti:- «Le zone interessate attualmente sono controllate da pattuglie di Vigili Urbani e dagli ispettori della Tekra che al momento si stanno limitando agli avvertimenti verbali o al rilascio dell’avviso che ne evidenzia l’errore, ma questo per un limitatissimo periodo di tempo, finché la corretta informazione non avrà raggiunto tutti gli utenti».

L’assessore sta inoltre provvedendo alla bonifica di luoghi che fino a ieri sono stati oggetto di discariche, pattugliate anch’essi da Vigili Urbani che individuati i responsabili stanno elevando multe.

Non passa più nulla, dunque, il duro lavoro che sta vedendo impegnati il  Sindaco Roberto Barbagallo, l’assessore al ramo Francesco Fichera,non consente errori, fanno sul serio, consapevoli che ogni altra iniziativa a favore della città se pur lodevole, passa per la pulizia ed il decoro città.

Per tutte le informazioni www.acirealedifferenzia.it 

As

 

Acireale : Con l’avvio del porta a porta nasce il Comitato per la raccolta differenziata

Acireale – Con l’avvio del porta a porta nasce il Comitato Città di Acireale per la Raccolta differenziata.

Lo annuncia l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Fichera  “Occorre utilizzare il modello allegato all’avviso per manifestare l’adesione ed indicare il nominativo dell’eventuale componente”.

L’avviso pubblico è rivolto ad Associazioni ambientaliste, di consumatori, comitati di cittadini, per richiedere di fare parte del comitato per la raccolta differenziata.

“Sarà un successivo provvedimento del sindaco a definire la composizione del Comitato che avrà funzioni di monitoraggio, consultive e propositive e sarà un veicolo utilissimo sia in questa fase di avvio del nuovo sistema di raccolta porta a porta, sia in ogni altra fase di esecuzione del nuovo appalto. – conclude Fichera

L’avviso è già stato pubblicato sul sito del Comune di Acireale (http://www.comune.acireale.ct.it/…/45825_avviso%20pubblico.… )

oppure 45825_avviso pubblico 

Per ogni altra informazione si può consultare il sito dedicato www.acirealedifferenzia.it e la pagina/https://www.facebook.com/acirealedifferenzia/

 


 

 

ACIREALE: LUNEDI’ 30 AVVIO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA  

Acireale – “Separa i rifiuti e mettili alla porta” Si è concluso ieri sera in Cattedrale il primo ciclo di incontri informativi e formativi sul servizio di RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA, organizzati dall’Ufficio Ambiente del Comune di Acireale, con Tekra Srl e Croce Rossa.

«I cittadini hanno partecipato con grande interesse, – commenta l’assessore alle Politiche Ambientali, Francesco Fichera-. Il clima ci suggerisce che Acireale sia finalmente pronta a questo enorme cambiamento e ci fa davvero ben sperare. Intanto va avanti la distribuzione dei kit nella zona 6, a cura dei volontari di Croce Rossa Italiana e lunedì saremo pronti a partire con la raccolta nelle prime due zone».

Il servizio di raccolta differenziata porta a porta partirà ad Acireale lunedì 30 gennaio nelle zone 4 e 5, (elenco vie in allegato). I residenti sono già forniti di kit e materiale formativo e hanno partecipato agli incontri calendarizzati.

Sempre lunedì 30 gennaio alle 17.00 all’Ex Angolo di Paradiso alla Villa Belvedere di Acireale si terrà un incontro informativo con gli amministratori di condominio e i cittadini interessati.

 i dettagli delle zone Zona_5 Zona 4

us

 

ACIREALE, “SEPARA I RIFIUTI E METTILI ALLA PORTA”. CONTINUANO GLI INCONTRI CON I CITTADINI

Acireale – “SEPARA I RIFIUTI E METTILI ALLA PORTA”. Il conto alla rovescia è scattato.

I volontari di Croce Rossa Italiana hanno consegnato i kit e il materiale informativo nelle prime tre delle 25 zone in cui è stato suddiviso il territorio comunale. La raccolta differenziata porta a porta inizierà entro i prossimi 15 giorni nei quartieri: Suffragio, Carmine, San Biagio, San Michele, in piazza Marconi, piazza Duomo, nel primo tratto di corso Umberto e corso Savoia.

Il sindaco Roberto Barbagallo e l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Fichera ricordano le date dei prossimi incontri informativi e formativi, curati da Ufficio Ambiente, Tekra e Croce Rossa:

Chiesa San Michele: martedì 24 ore 18:30

Cattedrale: mercoledì 25 ore 19:00

All’interno del sito www.acirealedifferenzia.it e sulla pagina https://www.facebook.com/acirealedifferenzia/ sono presenti tutte le informazioni utili per una corretta raccolta differenziata e le risposte su come, quando e dove conferire le diverse tipologie di rifiuti, secondo le modalità previste dal nuovo piano di raccolta.

us

 

Acireale : Guida completa per una buona differenziata “non facciamoci trovare impreparati”

Acireale – Si è tenuto ieri il primo incontro informativo con la comunità della zona Suffragio, alla presenza del Sindaco Roberto Barbagallo e dell’assessore all’Ambiente Francesco Fichera accompagnati da uno dei tecnici della Tekra.

Tanto il sindaco quanto l’assessore hanno fornito informazioni dettagliate e risposto alle domande dei cittadini presenti alla riunione, potete vedere i video sulla pagina facebook L’altra città.

Mentre aspettiamo che le stesse informazioni raggiungano anche la nostra zona di appartenenza, impariamo e non facciamoci trovare impreparati :

Calendario con i giorni di conferimento

La guida completa

Nel caso qualche utente non fosse in casa per il ritiro del kit troverà questo avviso:

A tal proposito è stato sottolineato, che nei condomini verranno forniti i contenitori grandi carrellati ed un solo contenitore a famiglia per l’umido corredato di busta.

Come ogni cambiamento allo stato iniziale porterà con sè qualche difficoltà soprattutto per gli anziani, ma con la buona volontà sarà facile comprendere che nulla è impossibile. L’amministrazione Barbagallo sta facendo la sua parte dotando la città di un meccanismo che non è stato facile inizialmente neanche in altri comuni, tocca però a noi cittadini acesi fare la differenza insieme.

Potete trovare tutte le info nel sito www.acirealedifferenzia.it e nella pagina facebook https://www.facebook.com/acirealedifferenzia/

Altri incontri sono già in calendario ed altri devono ancora essere calendarizzati e verranno comunicati di volta in volta.

Acireale, Gestione Rifiuti: Avvio del porta a porta ” Separa i rifiuti e mettili alla porta”

Acireale, Gestione Rifiuti: Avvio del porta a porta ” Separa i rifiuti e mettili alla porta”

Lo slogan che dà il via al servizio porta a porta ad Acireale, presentato stamattina in conferenza stampa, nell’antisala consiliare del Palazzo di Città, dal Sindaco Roberto Barbagallo, l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Fichera e l’ing. Giacomo Conte direttore della Tekra.

Di fatto la consegna dei Kit nelle Zone 4 5 6 è già iniziata sabato 14 gennaio, coordinata dal personale tecnico della Tekra e dalla Croce Rossa Italiana

«Questa amministrazione dà il via alla differenziata, questo nuovo modo di fare raccolta e di operare stravolgerà dal punto di vista culturale tutti noi, un nuovo modo per rispettare l’ambiente ma soprattutto per consentire al cittadino di risparmiare sulla Tari, tassa che ha raggiunto percentuali elevate, fermo restando, che già per l’anno 2016 la nostra amministrazione ha sgravato l’utente del 10%. Il 2017 richiede la collaborazione dei cittadini per consentirci di alzare questa percentuale. Sono certo che avremo risposta positiva e collaborazione da parte di tutti i cittadini». Ha dichiarato il Sindaco Roberto Barbagallo

«Al netto delle notizie infondate che sono circolate nel web – sottolinea l’assessore Francesco Fichera – parte la raccolta con la consegna dei Kit. Da ottobre ad oggi la Tekra ha svolto una meticolosa analisi del territorio, che si è concretizzata nella suddivisione dello stesso in 25 zone, partiamo dalle zone 4 5 6 che corrispondono più precisamente: Piazza Duomo, Piazza Marconi, Zona Suffragio Carmine, Piazza S. Biagio. Abbiamo previsto una distinzione tra le utenze domestiche e quelle commerciali, applicando orari differenti, per evitare situazioni indecorose in alcune vie del centro storico, dove anziché dalle 21 alle 4 del mattino la raccolta avverrà dalle 17 alle 20:30. Saranno consegnate insieme ai kit le guide con orari e calendari ed inoltre abbiamo previsto un sito dedicato www.acirealedifferenzia.it dove troverete ogni notizia e comunicazione utile. L’avvio come ogni fase iniziale può incontrare qualche problematica ma restiamo aperti ai suggerimenti propositivi al fine di migliorare il servizio. Sono già stati calendarizzati degli incontri informativi, che si terranno nelle parrocchie. (in calce all’articolo il calendario degli incontri previsti) Ringrazio, infine, l’ing. Angelo Di Bella responsabile della stesura e gestione contrattuale per il comune di Acireale e l’ing. Giacomo Conti della Tekra per aver entrambi lavorato con qualità e competenza e per la presenza costante» – conclude l’assessore Fichera-

«Abbiamo la percezione vivendo il territorio che questa città voglia essere partecipe a questo cambiamento, ci sentiamo accolti e questo ci gratifica, sarò presente e seguirò passo dopo passo tutte le fasi, fino a che il servizio non sarà andato a regime e non avremo raggiunto i risultati che ci siamo prefissati». Ha dichiarato l’ing. Conti della Tekra

As

Calendario incontri informativi nelle seguenti parrocchie:

Chiesa del Suffragio giorno 21 alle ore 18:00

“         Sacro Cuore  giorno 23 ore 17:00

“        San Michele   giorno 24 ore 18:30

“       Cattedrale      giorno 25 ore 19:00

 

1 2 3 4