Il 13 Marzo del 1972 Enrico Berlinguer viene eletto segretario del PCI

Il 13 Marzo del 1972 al 13° congresso del PCI Enrico Berlinguer è eletto segretario nazionale.

Nel suo discorso conclusivo, Berlinguer afferma che bisogna giungere a “un superamento graduale, fino alla liquidazione, dei blocchi contrapposti”, riconoscendo così, per la prima volta, la necessità di smantellare il Patto di Varsavia.

Giocò un ruolo di grande importanza nel movimento comunista internazionale con l’avvio di un processo di distanziamento dall’Unione Sovietica e l’elaborazione di un modello alternativo che prese il nome di eurocomunismo Nello scenario nazionale, teorizzò e tentò di realizzare, collaborando con Aldo Moro, il compromesso storico, non ebbe mai l’appoggio nè della sinistra estrema nè dell’ala dc della destra, quella di Andreotti per intenderci.

Il 28 novembre 1980, Berlinguer annunciò dopo otto anni di voler abbandonare la linea del compromesso storico per abbracciare quella dell’«alternativa democratica», che escludesse la DC.

È ricordato inoltre per aver sollevato la questione morale relativamente alle modalità di gestione del potere da parte dei partiti politici italiani.

In una intervista rilasciata a Scalfari nel 1980 dichiarava:

«I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali. tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico. […] Tutte le “operazioni” che le diverse istituzioni e i loro attuali dirigenti sono chiamati a compiere vengono viste prevalentemente in funzione dell’interesse del partito o della corrente o del clan cui si deve la carica. Un credito bancario viene concesso se è utile a questo fine, se procura vantaggi e rapporti di clientela; un’autorizzazione amministrativa viene data, un appalto viene aggiudicato, una cattedra viene assegnata, un’attrezzatura di laboratorio viene finanziata, se i beneficiari fanno atto di fedeltà al partito che procura quei vantaggi, anche quando si tratta soltanto di riconoscimenti dovuti».

«I partiti sono diventati macchine di potere», «I partiti non fanno più politica», «I partiti hanno degenerato e questa è l’origine dei malanni d’Italia

Mantenne il ruolo di segretario fino alla prematura scomparsa, avvenuta dopo un malore sopraggiunto durante un comizio.