Catania: Nuova gestione dell’ Aula Studio “Toscano Scuderi” dell’Ersu

Catania- In seguito alla partecipazione al bando per l’affidamento del servizio di gestione Aule Studio situate nelle Residenze universitarie dell’E.R.S.U. di Catania, si è tenuta l’inaugurazione  dell’aula studio presso la residenza “Toscano Scuderi”, da parte dell’associazione studentesca “Alleanza Universitaria”. Situata in via Caronda 101, l’aula è aperta a tutti gli studenti universitari dalle 9:00 alle 21:00, dal lunedì al sabato.

In occasione dell’inaugurazione hanno partecipato il magnifico rettore Francesco Basile e il presidente dell’ERSU professore Alessandro Cappellani, i quali insieme al presidente dell’associazione “Azione Universitaria”, Francesco Ferlito, oltre a fare un sopralluogo nell’aula studio, hanno anche  visitato i locali della residenza “Toscano Scuderi” incontrando i ragazzi Erasmus ospitati nell’edificio.

In seguito presso la sala conferenze si è tenuto un incontro con la dirigenza, i rappresentanti degli studenti dell’associazione Azione Universitaria e alcuni studenti che frequentano l’aula studio i quali sono accorsi numerosi alla conferenza.

Durante il suo intervento il rettore Francesco Basile ha informato la comunità studentesca sulle novità deliberate per il calcolo della fascia reddituale di appartenenza e l’esonero dal pagamento della tassa di iscrizione per le fasce meno abbienti.

Il presidente dell’associazione Alleanza Universitaria, Ferlito, dopo aver garantito che l’aula studio sarà gestita nel migliore dei modi per i due anni avvenire, ha ringraziato tutti i partecipanti all’evento,in particolare lo stesso  e il presidente dell’ERSU Cappellani, che sono riusciti a partecipare nonostante l’immenso numero di impegni istituzionali che affrontano quotidianamente, ha inoltre evidenziato come tale disponibilità sia un segno tangibile dell’avvicinamento delle istituzioni alla componente studentesca.

Successivamente è intervenuto il presidente Cappellani che ha sottolineato come la sua idea di affidare la gestione delle aule studio alle associazioni studentesche piuttosto che alle aziende private, possa essere un incentivo per responsabilizzare i ragazzi e renderli partecipi sull’utilizzo delle strutture messe a disposizione dall’ERSU.

In conclusione il vicepresidente dell’associazione studentesca, Alessio Sequenzia, ha basato il suo intervento sull’opportunità che l’ERSU concede alle associazioni studentesche tramite la gestione delle aule studio, sintomo di fiducia verso le nuove generazioni nella speranza che si possa ottenere una maggiore sinergia per migliorare i servizi erogati.

Sequenza insieme al dirigente Antonio Cabras, hanno omaggiato il presidente Cappellani e il  rettore con 2 magliette dell’evento “Corri Catania 2017”, iniziativa benefica che è stata sposata dall’associazione Azione Universitaria, invitando tutti alla gara di solidarietà che si terra il 14 maggio 2017.

us mg

 

 

 

 

ACIREALE, “LE GIORNATE DELLA CULTURA”. DUE APPUNTAMENTI DEDICATI AGLI APPASSIONATI DEL FUMETTO CON DON ALEMANNO E LELIO BONACCORSO

Acireale – Arrivano due appuntamenti imperdibili per gli appassionati del fumetto, organizzati da Etna Comics con il Comune di Acireale. I due eventi sono inseriti nel cartellone de Le Giornate della Cultura promosso dall’Assessorato al Turismo e alle Attività Culturali.

In prima linea ci saranno gli studenti delle scuole superiori acesi.

Venerdì 17 marzo

Ore 10.00 -Liceo Archimede – Acireale

Presentazione del fumetto “EXODUS”. Sarà presente l’autore ALESSANDRO MEREU – cantante, fumettista e blogger. Dal 2012 è autore del fumetto online JENUS DI NAZARETH, sotto lo pseudonimo di Don Alemanno.

Exodus, ultima produzione di Don Alemanno, edita da Magic Press, è il nuovo capolavoro del disegnatore sardo ambientato in Sicilia.

Una graphic novel con la quale Don Alemanno ha voluto dare una svolta alla propria narrazione fumettistica: si tratta infatti di una storia autoconclusiva, con una sceneggiatura fruibile anche da chi non ha mai letto la precedente produzione dell’autore. In quest’opera il Don affronta la più grande delle sfide che possano presentarsi ad un autore satirico, quella cioè di trattare argomenti generalmente considerati “forti”, come il radicalismo islamico, la guerra e il dramma dei profughi, senza abbandonare l’ironia pungente, per non dire sfacciata, propria del suo approccio al racconto.

In Exodus, un Gesù “rispedito” tra gli uomini per la seconda volta batte la testa e perde la memoria: ha tutti i poteri di Gesù, ma non ricorda di esserlo. Ripescato da una nave carica di profughi, viene convinto dal resto dei passeggeri di essere un profugo egli stesso. Tornato sulla Terra come ultimo tra gli ultimi, vivrà sulla propria pelle la situazione di migrante, tra centri di accoglienza militarizzati e direttive europee che considerano i profughi come un dato statistico.

Per portare a termine la sua opera, Don Alemanno ha visitato l’isola di Lampedusa, intervistando i ragazzi ospiti del CARA, gli abitanti, le forze dell’ordine che vivono ogni giorno a stretto contatto il dramma dei rifugiati. Exodus è il racconto di un’esperienza assolutamente realistica, a partire dai luoghi in cui le vicende sono ambientate (Lampedusa, il Canale di Sicilia, Catania) fino a svelare un inaspettato “dietro le quinte” del fenomeno accoglienza, spesso ignoto all’opinione pubblica e mai raccontato dai mass media.

Subire sulla propria pelle una situazione di guerra e fuggire da essa può fare uscire i lati più bestiali dell’animo umano, anche quando la circostanza richiederebbe una risposta di condivisione e solidarietà. Tutti questi aspetti emergono dalla graphic novel di Don Alemanno, con il preciso obiettivo di offrire una percezione, il più possibile realistica, di quello che è diventato a tutti gli effetti l’Esodo Biblico dei nostri giorni.

Exodus vanta tra i disegnatori che hanno collaborato anche il catanese Diego Fichera, scelto per realizzare le tavole di Jenus sull’isola.

Sabato 18 marzo

Ore 17.30 –Antisala Consiliare Palazzo di Città – Acireale

Inaugurazione della mostra “LA MAFIA RACCONTATA AI RAGAZZI” di Lelio Bonaccorso

Interverrà Lelio Bonaccorso – fumettista, illustratore e insegnante. Ha pubblicato su Corriere della Sera, L’Unità, la Gazzetta dello Sport e Wired, partecipato a diversi festival del fumetto con esposizioni personali e collettive e raggiunto risonanza all’estero pubblicando anche in diversi stati europei, nel Nord America e in America latina. E’ anche docente alla scuola del fumetto di Palermo e Messina.

“Legalità, un termine che ogni giorno riempie le pagine dei quotidiani e i servizi dei notiziari.

Spesso sull’argomento si frappone un filtro fra la gente e i mezzi di comunicazione di massa, un velo che non ci consente di percepirne tutte le sfumature. Quando dal complesso mosaico della rappresentazione dei fatti resta fuori qualche tassello, tocca allora alla potenza evocativa dell’arte visiva aggiungere nuovi pezzi. Ed ecco che l’occhio percepisce quelle sfumature

non colte prima. Arte che trova alcune delle sue forme più comunicative nell’illustrazione e nel fumetto, linguaggi la cui immediatezza giunge all’adulto così come al bambino.

La mostra “la mafia raccontata ai ragazzi” propone una panoramica della produzione artistica di

Lelio Bonaccorso, disegnatore messinese, che ha saputo tradurre in immagini temi drammatici che

non smettono mai di essere attuali: la mafia già tristemente nota e le nuove mafie dell’immigrazione. Spesso in collaborazione con il suo sodale Marco Rizzo, sceneggiatore trapanese, ha dato vita a graphic novel come Peppino Impastato – un giullare contro la mafia e Chi si ricorda di Nino Agostino? oltre a libri illustrati come La Mafia spiegata ai bambini e L’immigrazione spiegata ai bambini.

Il tratto personale e raffinato di Lelio Bonaccorso è al servizio di temi forti, affrontati stilisticamente a volte con la durezza che la cronaca impone, a volte con la delicatezza necessaria ai bambini per elaborare concetti “adulti”. Un’abilità non comune che contraddistingue da sempre la produzione artistica dei due autori. Tutte opere che confermano ancora una volta che la Sicilia è sì terra di forti contrasti ma anche terra dove l’arte continua incessantemente a comunicare e a incantare”.

“LA MAFIA RACCONTATA AI RAGAZZI – graphic novel e illustrazioni su legalita e immigrazione-“ ad Acireale al Palazzo di Città, in Antisala Consiliare sarà aperta tutti i giorni dal 18 marzo al 3 aprile h. 9.30/12:30 – 16:30/19:30.

pieghevole Mostra

U.S. Licia Castorina

 

 

ACIREALE, DA LUNEDì LA SOSTA SI POTRA’ PAGARE ANCHE CON UN SEMPLICE SMS

Acireale – Parcheggiare ad Acireale è sempre più facile. Da lunedì 13 Marzo partirà ufficialmente il servizio di Mobile Ticketing.

Accessibile da qualsiasi smartphone e senza bisogno di registrazioni,per acquistare agevolmente i biglietti del parcheggio auto sulle strisce blu accessibile da qualsiasi telefono cellulare e senza bisogno di registrazioni.

Per acquistare agevolmente i biglietti del parcheggio auto sulle strisce blu. Il nuovo sistema di sosta a pagamento è stato presentato stamattina in conferenza stampa al Palazzo di Città. Sono intervenuti il sindaco Roberto Barbagallo, il comandante della polizia municipale Antonio Molino e Dario Ferlito per A-Tono.

«Il nuovo sistema per la sosta semplificherà ulteriormente la vita agli automobilisti,- ha detto il sindaco-. Anche chi non ha lo smartphone, chi non vuole effettuare registrazioni o usare le carte di credito potrà comodamente pagare la sosta tramite il proprio credito telefonico».

Acireale è la prima città in Italia dove si potrà pagare grazie a DropTicket, la App sviluppata da A-Tono, la sosta dal proprio cellulare in maniera ibrida utilizzando, a seconda delle esigenze, sia il credito telefonico che quello bancario.

Sarà possibile pagare il parcheggio dell’auto acquistando la sosta singola da un’ora – al costo di € 0,60/h – con credito telefonico, ma si potranno acquistare anche pacchetti minuti in tagli da 5 e 10 Euro utilizzabili con il sistema Start&Stop, grazie alla stessa App e pagando con credito bancario.

«Questo sistema si aggiungerà ai vecchi biglietti per la sosta, al sistema easy park e presto saranno anche delle colonnine in alcune delle aree di sosta del centro», ha precisato il comandante Molino.

Per pagare la sosta tramite il credito telefonico basterà inviare un sms al numero 4896897 con la stringa “sosta numero della targa”.

 I dettagli DropTicket Acireale_rev.02

us Lc

 

Giornalismo: “Gara europea: a rischio posti di lavoro e la stessa esistenza delle agenzie”

Acireale – Nota Stampa dell’onorevole Basilio Catanoso deputato nazionale FI

“La gara europea che il Governo nazionale intenderebbe aprire per assegnare le convenzioni di fornitura dei servizi di agenzia di stampa, rischia di falcidiare posti di lavoro tra i giornalisti che, con puntiglio e scrupolo, hanno garantito libertà d’informazione e immediatezza della notizia all’interno delle diverse agenzie di stampa italiane”: lo afferma il deputato di F.I., Basilio Catanoso, commentando l’ipotesi avanzata dal Governo circa la cancellazione del sistema delle convenzioni di fornitura dei servizi di agenzia.

“Se il disegno del Governo dovesse andare in porto, sarebbero a rischio non solamente i posti di lavoro ma, addirittura, la stessa esistenza delle agenzie che in maniera libera e plurale hanno sin qui rappresentato uno dei pilastri fondanti dell’informazione nel nostro Paese – prosegue l’on. Catanoso -. Si tratta di realtà consolidate, con sede anche in Sicilia e in altre regioni d’Italia, che giorno dopo giorno con autorevolezza hanno impresso il proprio marchio, la propria voce nella vita democratica della nostra Nazione”. 

10 marzo 2017

us

GREENPEACE : DOMANI A BRUXELLES CONSIGLIO AMBIENTE: L’ITALIA PERSEGUA DAVVERO GLI IMPEGNI DI PARIGI E CHIEDA OBIETTIVI PIÙ AMBIZIOSI PER L’EMISSION TRADING SCHEME

ROMA – Greenpeace, Legambiente, WWF, Italian Climate Network, Coordinamento Free e Kyoto Club rivolgono un appello al Ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti: l’Italia deve avere un ruolo propulsivo per rendere efficace il meccanismo dell’Emission Trading, non attestandosi su posizioni di mera difesa di alcuni settori e aiutando così mediazioni al ribasso, ma contribuendo a rendere davvero efficace lo schema quale strumento di lotta al cambiamento climatico e riconversione dell’economia. È essenziale che la Ue riaffermi la propria leadership a livello globale sul clima. 

L’appello arriva alla vigilia della riunione dei Ministri dell’Ambiente della Ue che si terrà domani a Bruxelles.  Un appuntamento molto importante per il futuro perché, al primo punto all’ordine del giorno, è previsto l’esame della revisione dell’Emission Trading Scheme (ETS), il meccanismo europeo di scambio delle emissioni, il cui obiettivo dovrebbe essere quello di far pagare gli emettitori di CO2 per disincentivarli dal bruciare combustibili fossili e rendere disponibili risorse per le tecnologie pulite e il risparmio energetico. L’esame della riforma è il primo passo nell’ambito del Pacchetto Clima-Energia 2030, teso a preparare la Ue a dare il proprio contribuito al raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul Clima. Sarà decisiva la scelta del Governo italiano: starà con il fronte più avanzato dei Paesi che – seppur con ancora troppa prudenza – vogliono davvero ridurre le emissioni o invece dietro a dichiarazioni retoriche andrà ancora a braccetto con la Polonia e i paesi meno ambiziosi?

Grazie a obiettivi di riduzione delle emissioni troppo modesti, furbizie, scappatoie che hanno permesso di partire da livelli di emissione superiori a quelli reali, creando un surplus di quote, nonché generose elargizioni di quote gratuite, il sistema ETS in questi anni non è riuscito a raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni in modo efficace e a fornire alle industrie quell’incentivo a innovare, contribuendo così a trasformare il sistema energetico e industriale nella direzione della decarbonizzazione. Il prezzo delle quote ETS si è attestato ad appena 4 euro per tonnellata di CO2 nel 2016, mentre il surplus di emissioni accumulatosi nel sistema è continuato a crescere, fino a raggiungere 3 miliardi di tonnellate di CO2. “Ci auguriamo di non sentire ancora piagnistei per conto delle aziende energivore che lamentano la non competitività per il prezzo dell’energia, quando invece godono di cospicui sconti in bolletta, e propongono una visione industriale di stampo ottocentesco”, sottolineano gli ambientalisti. “Si faccia piuttosto piena luce sui sussidi diretti e indiretti dati loro sulla bolletta e sulle sovra-allocazioni di quote gratuite ricevute da questi settori”.

Il Parlamento Europeo, nella plenaria dello scorso 15 febbraio, ha purtroppo adottato una proposta di riforma del tutto inadeguata ad affrontare l’attuale crisi del sistema ETS, che mantiene un mercato del carbonio inefficiente per almeno un altro decennio, ed è in piena contraddizione con l’Accordo di Parigi. I Ministri dell’Ambiente devono quindi Assumere l’iniziativa e l’Italia deve avere un ruolo attivo per trasformare finalmente l’ETS in uno strumento utile per la decarbonizzazione dell’economia europea. Le proposte di riforma attualmente sul tavolo del Consiglio non danno ancora risposte adeguate all’attuale crisi dell’ETS. Secondo ricerche indipendenti, il sistema rimarrà in condizione di surplus sino al 2030 se il meccanismo non sarà profondamente rafforzato. È cruciale l’eliminazione immediata e permanente dell’intero surplus, incluse le quote spostate nella Market Stability Reserve (MSR), che devono essere eliminate alla fine di ogni periodo di scambio. Per evitare l’accumulo nel 2021 di un enorme surplus – e l’ulteriore riduzione del prezzo del carbonio – il punto di partenza deve attestarsi ai livelli reali di emissione, ossia al livello medio delle emissioni del periodo 2017-2019. Tutti gli introiti delle aste vanno utilizzati per una rapida decarbonizzazione europea, sostenendo solo misure a sostegno dell’efficienza energetica e delle rinnovabili. La riforma deve anche includere un Fondo per finanziare l’azione climatica internazionale e un Fondo per la transizione giusta, a sostegno della riconversione produttiva e occupazionale delle attività maggiormente colpite dagli interventi di decarbonizzazione. 

L’Europa deve anche introdurre meccanismi di revisione periodica dei propri obiettivi anche nell’ETS, in coerenza con i processi concordati a livello internazionale, per poter concretamente contribuire a realizzare gli impegni assunti a Parigi: tali meccanismi devono prevedere una revisione al rialzo degli obiettivi.

US

Roma: Greenpeace Italia, Legambiente e WWF  “SULLE TRIVELLAZIONI IL GOVERNO GENTILONI NON HA ALIBI CHIARISCA QUALI SONO I SUOI PIANI E LE STRATEGIE DOPO PARIGI”

Roma – Lettera aperta di Greenpeace Italia, Legambiente e WWF – L’Italia è un Paese refrattario alla pianificazione degli interventi in campo energetico, con un  Governo che rischia di porsi al di fuori dall’Europa e degli impegni assunti su scala internazionale, e continua a dare carta bianca alle aziende petrolifere (in primis ENI e Edison), a interessi industriali ad alto rischio ambientale, senza un disegno unitario.

Con una Lettera Aperta al Presidente del Consiglio, ai Ministri dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente e ai Governatori delle Regioni, Greenpeace Italia, Legambiente e WWF chiedono come mai  il Governo italiano, violando gli impegni assunti con il recepimento della Direttiva comunitaria Offhsore (con il Dlgs n. 145/2016), si rifiuti ancora oggi di prevedere una programmazione delle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi da sottoporre a Valutazione Ambientale Strategica, mentre procede  ad aprire Valutazione di Impatto Ambientale sulle singole istanze per permessi di ricerca offshore, che rappresentano la categoria più numerosa tra le procedure oggi aperte (37,5% con 6 istanze su 16; seguono 3 per autostrade, 2 per impianti idroelettrici, 2 per reti ad alta tensione, 2 per porti, 1 per aeroporti).

Ai governatori delle Regioni che avevano promosso il referendum dello scorso 17 aprile, le tre associazioni chiedono in particolare di  confermare l’impegno sul tema della difesa dei mari italiani sollecitando, con le associazioni, i comitati e la società civile, il ripristino del Piano delle Aree come strumento di monitoraggio e verifica della pressione ambientale sugli ecosistemi marini.

Per gli Ambientalisti il Governo deve soprattutto dimostrare di essere coerente con gli impegni europei e internazionali sulle scelte energetiche assunti a seguito dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici per la de carbonizzazione dell’economia e il progressivo abbandono delle fonti fossili.

Nella Lettera Aperta le tre associazioni ambientaliste chiedono al Governo Gentiloni di:

1. riparare al danno fatto dal Governo Renzi, con la raffazzonata modifica contenuta nella Legge di Stabilità 2016 di una delle poche disposizioni positive del decreto Sblocca Italia, che all’articolo 38, comma 1 bis (cancellato improvvidamente per esigenze strumentali pre-referandarie) prevedeva la redazione di “Piani dellearee”, fortemente voluti dalle Regioni e dai Comuni, per le attività di estrazione degli idrocarburi;

2. dare finalmente concreta attuazione a quanto previsto dall’articolo 5 del decreto legislativo n. 145/2016 di recepimento della Direttiva europea “Offshore”, che prevede sia garantita la partecipazione pubblica tramite alle procedure di valutazione ambientale strategica su piani e programmi, per valutare organicamente e cumulativamente i possibili effetti sull’ambiente delle operazioni in  mare nel settore degli idrocarburi, nell’interesse delle popolazioni e degli enti locali;

3. discutere pubblicamente, impostare e dare concreta attuazione al più presto a una nuova Strategia nazionale energetico/climatica richiesta dopo l’Accordo di Parigi che punti convintamente sulle fonti rinnovabili, sul risparmio e l’efficienza energetica, chiudendo al più presto il capitolo delle fonti non rinnovabili più inquinanti.

Greenpeace, Legambiente e WWF chiedono, appoggiando le analoghe richieste della rete dei comitati No Triv, un segnale positivo dal Governo Gentiloni, un atto concreto che dimostri che l’Italia vuole davvero essere uno dei Paesi più avanzati al mondo.

us

Acireale carnevale 2017 : Un inedito Giovedì Grasso dedicato a bambini e ragazzi, parata ispirata ai “popoli del mediterraneo” Il programma della giornata

ACIREALE – Cosa sarebbe il Carnevale senza i bambini? Sono loro i primi a crederci, a viverlo in modo spensierato, a travestirsi con fierezza, a coinvolgere genitori e adulti. Ed è a loro che la Fondazione Carnevale Acireale dedica un’esclusiva giornata: domani, giovedì 23 febbraio, il programma della manifestazione riprende, dopo il weekend d’apertura, con iniziative pensate per le nuove generazioni.

«Non c’è Giovedì Grasso più bello di quello vissuto interamente con e per i più piccoli – ha affermato il presidente della Fondazione Antonio Belcuore – è una novità di questa edizione 2017 per sottolineare l’importanza del loro coinvolgimento e della loro partecipazione. Non bisogna dimenticare infatti che se l’evento di Acireale vanta una lunga storia ed è riconosciuto nel panorama culturale nazionale, lo si deve alla tradizione della cartapesta che nel tempo si tramanda da padre in figlio, di generazione in generazione, diventando una passione e un impegno fin dalla giovanissima età».

Confermato l’appuntamento con “Scuole in maschera”, al cui concorso partecipano quattro istituti comprensivi acesi: «Come da tradizione, diamo spazio alla creatività e alla bellezza dei costumi degli alunni delle nostre scuole – ha spiegato l’assessore comunale alla Pubblica Istruzione Adele D’Anna – un’attività che coinvolge anche i docenti e le famiglie, che realizzano i travestimenti ed elaborano divertenti coreografie. Domani tutto il circuito è stato pensato per i bambini: abbiamo invitato le scuole dell’hinterland perché sarà la festa di tutte le famiglie. I bambini torneranno poi protagonisti il sabato mattina con la sfilata lungo il circuito e il flash mob in piazza Duomo».

Su la maschera, spazio al divertimento genuino e allo spirito carnascialesco che si colora di coriandoli e stelle filanti: «I bambini sono i veri protagonisti del nostro Carnevale – ha dichiarato il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo – il loro stupore e la loro allegria sono gli ingredienti più preziosi per la nostra festa. Vogliamo che questa sia una giornata indimenticabile: invitiamo tutti i bambini a partecipare e a divertirsi con noi».

La parata dei gruppi mascherati scolastici inizierà alle 16.00, percorrendo il circuito tradizionale Corso Umberto – Corso Italia – Corso Savoia, e ispirandosi al tema “I Popoli del Mediterraneo”. «I gruppi degli alunni – ha specificato il direttore artistico del Carnevale Giulio Vasta – saranno accompagnati dalle opere in cartapesta, dodici tra testoni e maschere isolate, realizzate dalle giovani promesse del Carnevale acese, che riproducono personaggi della politica e del mito e temi di attualità».

Alle 18.00 tutti in Piazza Duomo dove si accenderà l’entusiasmo del “Pomeriggio Giovani”, una festa in maschera per ragazzi con dj, animazione, zucchero filato, popcorn e l’esibizione del gruppo musicale “Te le ricordi tu” che canterà le sigle e le canzoni dei cartoni animati che hanno fatto la storia.

INIZIATIVE COLLATERALI

In contemporanea sono in corso altre iniziative collaterali al programma della Fondazione. Fino al 28 febbraio sarà possibile visitare ben cinque esposizioni: il “XXI Concorso Carri in miniatura” a cura dell’Associazione Culturale Gruppo Liberi Artisti (presso IPAB Santonoceto, Corso Umberto 188); la “Mostra dei bozzetti dei Carri del Carnevale”, la XX Mostra “Maschere e mascherine… l’arte acitana”, e il Concorso di disegno su cartolina postale, tutte in Piazza Duomo 16 e a cura dell’Associazione Filatelica Numismatica Acese; infine “Carnevale di Acireale a Taormina – Mostra di carri in miniatura”, con ingresso libero a Palazzo Corvaia della cittadina messinese.

A queste si aggiungono: la Bottega della Cartapesta a cura dell’Associazione Artigianato Acese in Piazza Garibaldi, e il Numero Unico di Carnevale, rivista satirico-umoristica del Circolo Universitario.

Il calendario completo del “Carnevale di Acireale 2017” è disponibile su www.fondazionecarnevaleacireale.it e sui canali social ufficiali.

 

 

  • Il Carnevale di Acireale 2017 è arricchito da un interessante corollario di iniziative collaterali promosse da numerose associazioni territoriali. Il calendario degli appuntamenti è integrato al programma completo ufficiale, consultabile sul sito web e sui canali social;
  • Sono stati due milioni e 900mila gli utenti che l’anno scorso hanno seguito il Più Bel Carnevale di Sicilia sui social network. Le pagine ufficiali Facebook (@CarnevaleAcireale), Twitter (@Acicarnevale), Instagram (@carnevaleacireale) e You Tube (Carnevale di Acireale), sono già attive per tenere informati, anche in tempo reale, coloro che vogliono “connettersi” alla manifestazione. Hashtag ufficiale #acicarnevale;
  • Torna la “Lotteria del Carnevale”: per chi acquista i biglietti in palio una Lancia Nuova Y, uno scooter Keeway Logik e una crociera per due persone. L’estrazione finale è fissata per il 13 maggio;
  • Oltre al media partner RDS 100% Grandi Successi, la Fondazione Carnevale di Acireale ringrazia gli sponsor: Credito Siciliano, Decò – Gruppo Arena, Input – Comunicazione ed Eventi, McDonald’s, MSC Crociere, SAC – Società Aeroporto Catania; e i partner tecnici: AdvMaiora, Mandarin, Vision Sicily.
  • us.L.c

Acireale: Il 3 Marzo Piazza Cappuccini sarà intitolata a Peppino Impastato “l’invito ufficiale del Sindaco Roberto Barbagallo”

Acireale – Si terrà giorno 3 Marzo la Cerimonia ufficiale di intitolazione della Piazza intitolata a Giuseppe “Peppino” Impastato. Peppino, è stato un giornalista, attivista e poeta italiano, membro di Democrazia Proletaria e noto per le sue denunce contro le attività di Cosa Nostra, a seguito delle quali fu assassinato il 9 maggio 1978.

Figura d’esempio soprattutto per le nuove generazioni, ed un onore per la città di Acireale avere una piazza a Lui dedicata. Giunge quindi, l’nvito del Sindaco Roberto Barbagallo, alla cerimonia che cambierà ufficialmente il nome di Piazza Cappuccini, in Piazza Peppino Impastato, alla presenza del Vice Presidente della Commissione Nazionale Antimafia Onorevole Claudio Fava

Invito ufficiale

Ho il piacere di comunicarle che giorno 3 Marzo p.v. si terrà la cerimonia uffciale di intitolazione della Piazza dedicata a (Giuseppe) Peppino Impastato, il giovane grande siciliano ucciso dalla mafia nel 1978 a seguito della sua forte azione sociale e civile profusa nel contrastarla, pur in condizioni ambientali e familiari di estrema difficoltà,

Questa Amministrazione tutta intende così, far diventare luogo di elezione per l’aggregazione giovanile di oggi e del futuro un antico luogo molto popolare ( la già ‘t Piazza Cappuccini” ) posto nel cuore del tessuto urbano, appositamente ristrutturato e abbellito, con forte intento pedagogico civile perchè la Memoria diventi materia viva di vita nel solco della connotazione propria della personalità di Peppino Impastato, improntata alla bellezza, alla tenacia al coraggio ma anche alla gioia di vivere e all’avanzamento culturale e sociale della Comunità.

La giornata, che registra l’assai qualificata adesione ufficiale della Commissione Nazionale Antimafia nella persona del suo Vice Presidente On.Claudio Fava si svolgerà secondo il seguente calendario:

Nella mattinata dalle ore 10,30 si terrà un incontro con le scuole della Città che presenteranno i loro lavori grafici drammatizzati artistici e audio-video appositamente creati nel percorso didattico di “Educazione alla Legalità Nel corso dell’incontro gli studenti si confronteranno con Riccardo Orioles, giornalista siciliano memoria storica della grande stagione dell’impegno antimafia de I Siciliani” di Giuseppe Fava.

Nel pomeriggio nella piazza alle ore 17,30 si terrà la cerimonia istituzionale dello svelamento della Targa, alla presenza dell t On. Claudio Fava, delle Autorità istituzionali e dei rappresentanti politici e amministrativi. Seguirà una grande serata di rappresentazioni e musica che vede la presenza di tanti giovani artisti acesi, con la gratuita partecipazione in segno di condivisione di importanti gruppi musicali acesi che si riuniranno per l’occasione. Sarà anche proiettato in piazza il film I‘ I cento passi”

In considerazione dell’ alta valenza educativa dell’evento ,questa Amministrazione ritiene particolarmente importante la Sua presenza al fine di rafforzare il messaggio di coraggio civile e impegno sociale che caratterizza tutta l’iniziativa

                                                                                                                                                                        Distinti saluti.

Residenza municipale, lì 15 febbraio 2017                                                                         Roberto Barbagallo

INVITO INAUG. PIAZZA IMPASTATO

ACIREALE: TUTTO PRONTO PER LA SETTIMA EDIZIONE DI “UN CALCIO AL RAZZISMO”

Acireale – 250 partecipanti iscritti, 15 squadre di calcio, 9 di pallavolo e 6 di basket, 30 atleti al via delle gara di mezzofondo.

Sono questi i numeri principali della settima edizione di “Un Calcio al razzismo” torneo sportivo transculturale in programma mercoledì 22 febbraio (dalle ore 8,30 alle 18) presso il PalaVolcan e l’area sportiva attrezzata “Francesco Vecchio” di corso Italia.

La manifestazione, nata dall’incontro tra lo Sprar (servizio di protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Acireale e quello di Caulonia (Rc), è organizzata dal Consorzio Il Nodo in collaborazione con il Comune di Acireale, il Centro Sportivo Italiano di Acireale, la Fondazione del Carnevale di Acireale e lo Sprar.

Ha l’obiettivo di coniugare lo strumento dello sport con il lavoro di incontro e confronto tra le diversità che popolano sempre più le Comunità del terzo millennio.

Questa mattina a Palazzo di Città nel corso di una conferenza stampa sono stati illustrati i particolari dell’iniziativa.

“Un momento di aggregazione molto importante –ha sottolineato l’assessore allo Sport, Giuseppe Sardo-. Come abbiamo constatato lo scorso anno si tratta di una manifestazione bellissima all’insegna dello sport e dell’integrazione. Ringrazio tutti gli attori protagonisti, il Consorzio Il Nodo e il Csi su tutti, per aver lavorato anche quest’anno all’iniziativa migliorandola ancora di più. Rivolgo un invito a tutta la città a presenziare alla manifestazione”.

L’assessore alle Politiche Sociali Adele D’Anna ha aggiunto: “Gli esseri umani sono tutti uguali, al di là della razza, dell’etnia, del Paese d’origine. Ritengo che all’interno delle scuole bisogna lavorare in tal senso e veicolare questi valori, non solo semplicemente con dei percorsi didattici classici ma attraverso delle attività che coinvolgono emotivamente i ragazzi e che li fanno stare a fianco a coetanei simili a loro ma che provengono da altri paesi e magari hanno un colore diverso della pelle. Soltanto con esperienze di conoscenza e divertenti sarà possibile superare certe barriere che magari in maniera inconsapevole si creano nella relazione con l’altro”.

“Ormai una manifestazione collaudata, giunta alla settima edizione, appuntamento stabile che si inserisce all’interno di tutta una serie di attività di integrazione. Questa è una delle tante che il Consorzio Il Nodo mette in atto a favore dei cittadini acesi e dei migranti” ha concluso il direttore dell’Area Immigrazione del Consorzio, Gabriele Spina.

L’edizione 2017 di “Un calcio al razzismo” prevede la partecipazione delle forze dell’ordine e del progetto Sprar di Caulonia (Rc), gestito dalla Cooperativa Sociale Pathos.

L’appuntamento è fissato per le 8,30 di mercoledì 22 febbraio con il raduno degli atleti e formazione squadre al PalaVolcan. Quindi i saluti istituzionali del sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo; del presidente del Consorzio Il Nodo, Fabrizio Sigona e degli assessori Giuseppe Sardo (Sport) e Adele D’Anna (Politiche Sociali).

Us L.c

ACIREALE CARNEVALE 2017: “QUANDO IL TURISMO PASSA DAL FOLCLORE POPOLARE”

Acireale Carnevale 2017 – Il bilancio del primo weekend “Quando il turismo passa dal folclore popolare”

Il presidente della Fondazione Antonio Belcuore: «Nel primo weekend in piazza oltre 35mila persone: un successo che ha ricadute dirette sull’economia del territorio»

Il primo cittadino Roberto Barbagallo: «Nei prossimi giorni in vista del bagno di folla organizzeremo una conferenza di servizi per garantire la sicurezza di tutti»

Tradizione, divertimento e destagionalizzazione di un turismo che si muove al ritmo delle atmosfere carnascialesche. Per Acireale il Carnevale è sinonimo di allegria, buonumore, folla festante; ma anche di economia e sviluppo, grazie a un marchio che ogni anno richiama migliaia di turisti. Così è stato sabato e domenica, in occasione dell’apertura ufficiale del programma che racchiude eventi, mostre, parate e il tanto atteso concorso che vede protagonisti i maestri della cartapesta. Il debutto dei carri allegorici, protagonisti del “Più Bel Carnevale di Sicilia”, è stato un vero successo: «Il lungo lavoro dei maestri artigiani è stato ripagato dal sorriso e dall’entusiasmo manifestati da un pubblico in festa – ha affermato il presidente della Fondazione Carnevale Acireale Antonio Belcuore, che insieme al sindaco Roberto Barbagallo ha trascorso due giorni per le strade insieme a famiglie, giovani e turisti – nel weekend oltre 35mila persone hanno affiancato i carri lungo il percorso tradizionale nel centro storico, accompagnandoli per la prima volta in un giro di rodaggio, in attesa di entrare nel vivo del concorso. È la presenza di questa moltitudine di volti, di voci e di maschere che rende eccezionale il Carnevale acese».

Un evento autentico, dove la fantasia, l’ironia, il gusto dello sberleffo, si uniscono all’impegno degli organizzatori e soprattutto alla maestria e all’esperienza dei carristi, «che hanno lavorato per otto mesi con grande passione: loro sono il cuore e l’anima della festa e dobbiamo sempre ringraziarli – ha sottolineato il sindaco Barbagallo – il bilancio del primo weekend è contrassegnato da un’affluenza eccezionale, che è riscontro della elevata qualità raggiunta dalla manifestazione. Il Carnevale di Acireale è tra i più apprezzati al mondo proprio perché le meravigliose opere in cartapesta sfilano e si esibiscono nelle strade e nelle piazze del barocco, in mezzo alla gente, ma questo comporta un grande impegno da parte delle forze dell’ordine e dei volontari. Nonostante le decine di migliaia di persone in piazza non ci sono stati incidenti. Nei prossimi giorni in vista del bagno di folla previsto per il weekend organizzeremo una conferenza di servizi, affinché possa essere garantita la sicurezza di tutti».

Il trend di presenze è in forte aumento: «Domenica oltre 100 autobus provenienti da tutta la Sicilia e dalla Calabria hanno fatto tappa ad Acireale e i parcheggi hanno registrato il tutto esaurito già a partire dalle ore 14.00 – ha continuato Belcuore – un dato confermato anche dalle strutture ricettive non solo del Comune che ospita la manifestazione, ma anche dei paesi limitrofi, con ricadute dirette su tutti i servizi turistici. Il nostro obiettivo è quello di valorizzare il territorio facendo leva su uno degli eventi siciliani di maggior successo, per attirare visitatori e generare economia sull’indotto. Stimiamo per questa edizione 2017 oltre 300mila presenze: un dato che testimonia come il modello di aggregazione e promozione delle più antiche tradizioni, unito alle bellezze naturalistiche della nostra terra, alla cultura e all’eccellenza enogastronomica, sia virtuoso e meriti una vetrina internazionale».

«Oggi i turisti sono maggiormente consapevoli e per questo sono alla continua ricerca e scoperta dei patrimoni culturali e storici – continua Belcuore – abbiamo deciso di partire sabato 18 febbraio per ampliare i momenti di spettacolo e di piazza. Il nostro è un carnevale che parte dal basso, grazie alle associazioni il cui impegno si rivela fondamentale per la buona riuscita del programma: vogliamo mantenere vivo questo folclore, potenziando soltanto quella vocazione turistica che caratterizza la nostra Isola e inserendo Acireale quale “tappa” obbligatoria per i viaggiatori che amano i tour all’insegna del divertimento vero e spontaneo, caratteristiche uniche dei siciliani che li ospitano»

«La bellezza stupefacente dei carri allegorici, figli della sapiente maestria dei nostri artigiani, la programmazione, una corretta strategia della comunicazione, un partner importante come RDS hanno dato come risultato una folla straordinaria che ha veramente emozionato tutti noi organizzatori – ha concluso l’assessore comunale al Turismo Antonio Coniglio – la macchina del Carnevale continuerà a lavorare senza soste, con entusiasmo sempre maggiore in vista delle giornate clou».

Dopo il weekend carico di emozioni e iniziative, le attività culturali riprenderanno giovedì 23, seguendo un dinamico programma di appuntamenti che culminerà nel giorno del martedì grasso, il 28 febbraio. Il calendario completo è disponibile su www.fondazionecarnevaleacireale.it e sui canali social ufficiali.

.      Il Carnevale di Acireale 2017 è arricchito da un interessante corollario di iniziative collaterali promosse da numerose associazioni territoriali. Il calendario degli appuntamenti è integrato al programma completo ufficiale, consultabile sul sito web e sui canali social.

·           Sono stati due milioni e 900mila gli utenti che l’anno scorso hanno seguito il Carnevale Più Bello di Sicilia sui social network. Le pagine ufficiali Facebook (@CarnevaleAcireale), Twitter (@Acicarnevale), Instagram (@carnevaleacireale) e You Tube (Carnevale di Acireale), sono già attive per tenere informati, anche in tempo reale, coloro che vogliono “connettersi” alla manifestazione. Hashtag ufficiale #acicarnevale.

·           Oltre al media partner RDS 100% Grandi Successi, la Fondazione Carnevale di Acireale ringrazia gli sponsor: Credito Siciliano, Decò – Gruppo Arena, Input – Comunicazione ed Eventi, McDonald’s, MSC Crociere, SAC – Società Aeroporto Catania; e i partner tecnici: AdvMaiora, Mandarin, Vision Sicily.

 

 In allegato foto del primo weekend. La fotogallery completa è visibile al seguente link: https://drive.google.com/open?id=0B3Xz2BcVCc89X05jZnF4MlFIUlk

 Us L.c

 

CARNEVALE DI ACIREALE 2017: PARCHEGGI A PAGAMENTO, PUNTI DI ASSISTENZA E SERVIZI IGIENICI

Acireaòe – Per consentire al pubblico di godersi le giornate del Più Bel Carnevale di Sicilia senza preoccuparsi di trovare posto per il proprio mezzo, il Comune di Acireale ha istituito delle aree di sosta seguendo queste indicazioni:

PARCHEGGIO VIA GALATEA CAPPUCCINI SOLO AUTO € 5,00 INTERA GIORNATA: https://goo.gl/maps/vA9rSXUL1AT2

PARCHEGGIO PIAZZALE FRANCESCO VECCHIO AUTO – CAMPER – MOTO AUTO € 5,00 CAMPER € 7,50 MOTO € 3,00: https://goo.gl/maps/wUQg48zJChG2

PARCHEGGIO VIA DELLO STADIO PIAZZA OLIMPIA LARGO VITO FINOCCHIARO SOLO BUS FINO A 19 POSTI € 20,00 SUPERIORI A 19 POSTI € 50,00: https://goo.gl/maps/dMuTnMCtrHR2

(In allegato i dettagli nell’ordinanza della Polizia Municipale)

ORDINANZA 2017-02-16 092723

Lungo il circuito saranno collocati

-diversi punti di assistenza:

PIAZZA DUOMO, SERVIZIO MEDICO PIAZZA CAPPUCCINI, AMBULANZA PIAZZA GARIBALDI, SERVIZIO MEDICO E AMBULANZA PIAZZA INDIRIZZO, SERVIZIO MEDICO E AMBULANZA CORSO SAVOIA ANGOLO VIA PAOLO VASTA, AMBULANZA

-e servizi igienici

PIAZZA LIONARDO VIGO PIAZZA CAPPUCCINI VIA PAOLO VASTA ANGOLO PIAZZA GARIBALDI PIAZZA INDIRIZZO CORSO SAVOIA ANGOLO VIA FABIO.

Sui social a raccontare tutta l’euforia della più divertente festa di piazza impazzano gli hashtag #acicarnevale #carnevaleacireale #acirealeEventi #acireale #carnevaliditalia.

Il Carnevale di Acireale 2017 è organizzato dalla Fondazione del Carnevale di Acireale.

Enti co-finanziatori Città di Acireale, Regione Siciliana e Credito Siciliano. La manifestazione si avvale della partnership di SAC e RDS e del contributo di sponsor privati.

INFO E CONTATTI

Facebook: Carnevale di Acireale – Pagina ufficiale

http://www.fondazionecarnevaleacireale.it

www.comune.acireale.ct.it

info@carnevaleacireale.it

095895249  – 095895248 – 095895254 – 095895257

Stampa: licia.castorina@gmail.com   095895201

us

 

Acireale Gestione Rifiuti: Gli operatori ambientali annunciano lo stato di agitazione e un Sit-in per domani, la Tekra risponde è “illegittimo”.

Acireale Gestione Rfiuti – Gli operatori ambientali annunciano un Sit-in per domani, la Tekra risponde è “illegittimo”.

E notizia di oggi dello stato di agitazione proclamato dalle sigle sindacali Fiadel e Ugl  con una assemblea degli operatori ecologici dalle 10 alle 12:30  ad ogni fine turno, e a seguire un corteo che si muoverà da via San Girolamo sede dell’autoparco della Tekra fino a Piazza Duomo. Oggetto del contendere sono gli “scatti figurativi” il ritardo nella consegna delle buste paga e l’attivazione del Fsda (assistenza sanitaria integrativa)

Bastano questi elementi per proclamare uno stato di agitazione? A poche settimane dall’inizio della differenziata e a pochi giorni dall’inizio del Carnevale.

Abbiamo contatto il direttore della Tekra l’Ing. Giacomo Conte il quale ci ha inviato questa nota:

Della questione “scatti figurativi”, ovvero di un ulteriore emolumento netto per €/annui 1.084,56 che i lavoratori hanno preteso in virtù di una sentenza del tribunale di Catania molto datata nel tempo e legata a precedenti gestioni di cui TEKRA non ha conoscenza,  le confermo che detto importo, cui corrisponderebbe un onere ulteriore per i cittadini di oltre € 165.000 annui, non veniva evidenziato agli atti di gara, né dal precedente gestore (Senesi S.p.A.), nonostante fosse stato richiesto espressamente per ben due volte.

All’atto del passaggio di cantiere presso la DTL di Catania nel settembre 2016, il tema fu accennato dalla parti sindacali senza alcuna produzione di documentazione e, a specifica domanda rivolta alla Dirigente dell’ufficio preposto, fu risposto che la pretesa costituiva una consuetudine dei dipendenti del comune di Acireale, ben diversa dal concetto di diritto acquisito.

Successivamente al subentro nella gestione del servizio da parte di TEKRA, decorso in data 01/10/2016, le parti sindacali trasmisero la sentenza allegata, emessa in data 18-12-2007 dalla quale appare di capire che quanto preteso, per cui parte resistente fu condannata, riguardava la liquidazione di indennità all’epoca non contemplate dal vigente CCNL, ma concordate mediante sottoscrizione di accordo di secondo livello e quantificate con l’azienda all’epoca gestore e poi non pagate.

Dette indennità sono ad oggi già incluse nel CCNL applicato e vigente, e pertanto la fondatezza della pretesa avanzata, anche in virtù della valenza della sentenza esibita (sentenza di solo primo grado), sarebbe tutta da verificare.

A seguito dell’incontro tenutosi tra TEKRA e parti sindacali in data 02/12/2016, l’Azienda ha espresso la problematica all’Ente, richiedendo l’avvio di un apposito procedimento istruttorio volto alla revisione del canone di appalto.

L’ente comune, in assenza di elementi certi inerenti il presunto diritto dei lavoratori, ha richiesto nei giorni scorsi a Tekra di corroborare la propria richiesta con apposito parere legale pro-veritate, cui seguirà, presumibilmente, pari iniziativa da parte dell’ente per verificare e accertare la fondatezza di quanto richiesto.

 Appare pertanto quantomeno fuori luogo, nonché certamente illegittime, le iniziative intraprese dalle sigle sindacali Fiadel e UGL, che continuano a distinguersi per la continua disattenzione alle problematiche dei lavoratori, nonché alla tutela dei privilegi di pochi eletti, senza mai apportare un contributo in termini fattivi alle attività in essere, che di contrario puntano a una rivoluzione culturale nell’approccio alle problematiche in materia ambientale.

Noterà che lo stato di agitazione proclamato da FIADEL è basato sull’assenza di TEKRA a un presunto tavolo conciliativo convocato presso la DTL per le ore 10:30 del 10/02/2017, a cui la TEKRA stessa non è mai stata invitata, come chiarito nella nota di riscontro prot. 559 del 11/02/2017.

 La Tekra, se in data 02/12/2016 nell’incontro con le parti sindacali ha chiarito che non intende violare alcun diritto dei lavoratori, ammesso che venga stabilito che le pretese avanzate costituiscano un diritto, non può prescindere dalla condivisione di tali aspetti con l’Ente comune, considerato che, dati gli importi ipotizzati, l’azienda subirebbe evoluzioni tanto pregiudizievoli da condurre allo stato di insolvenza e quindi alla dissoluzione.

La Tekra, nel riconoscere i diritti di tutti i lavoratori, deve tuttavia proteggere con la massima responsabilità e attenzione la propria attività di impresa, che ad oggi costituisce fonte di reddito e sostentamento per oltre 800 famiglie italiane.

20161215 – 2846 – ALLEGATO 1 – SENTENZA TRIBUNALE DI CATANIA 18-12-2007

20170211 – 0505 – PROCLAMAZIONE STATO AGITAZIONE 

20170211 – 0506 – INDIZIONE ASSEMBLEA PER IL 17-02-2017 

20170211 – 0559 – Allegato 01

20170211 – 0559 – RISCONTRO PARTI SINDACALI STATO AGITAZIONE

 

ACIREALE: Il Presidente del Comitato dei Sindaci Roberto Barbagallo invita alla “CONFERENZA DI SERVIZI – LEGGE 328/00”

Acireale – Nota del Sindaco Roberto Barbagallo in qualità di Presidente del Comitato dei Sindaci

Visto il D.P. del 29/11/2016 “Integrazione alle Linee guida per l’attuazione delle politiche sociali e socio-sanitarie 2013-2015” (G.U.R.S. n.55 del 16/12/2016) e il D.D.G. n.3555 del 09/12/2016 che assegna le ulteriori risorse a valere sul Fondo Nazionale Politiche Sociali, pari ad € 1.068.542,67, per l’integrazione ed il potenziamento delle azioni già programmate con il Piano di Zona 2013-2015 del Distretto socio-sanitario 14;

Ritenuto che la legge 328/00 ed il D.P. 376/Ser.4/ SG “Linee guida per l’attuazione delle politiche sociali e socio-sanitarie 2013-2015” attribuisce al Comitato dei Sindaci il compito di promuovere le necessarie iniziative di comunicazione e concertazione finalizzate ad informare il territorio, favorire la partecipazione di tutti gli attori sociali e confermare e nominare le rappresentanze del Terzo Settore nel Gruppo Piano;

INVITA

i cittadini e i soggetti attivi nella progettazione e nella realizzazione degli interventi sociali, gli organismi non lucrativi di utilità sociale e della cooperazione, le associazioni e gli enti di promozione sociale, le fondazioni e gli enti di patronato, le organizzazioni di volontariato, alla attiva partecipazione alle iniziative di concertazione e programmazione delle risorse integrative al Piano di Zona 2013-2015 del Distretto socio-sanitario 14, che si svolgeranno con il seguente calendario

– Giorno 22 febbraio 2017, ore 16,30 presso il Palazzo di Città – Antisala Consiliare – Piazza Duomo Acireale.

– Giorno 1 marzo 2017, ore 16,30 presso il Palazzo di Città- Antisala Consiliare- – Piazza Duomo Acireale

Si invitano, altresì, tutti i soggetti coinvolti a voler divulgare e promuovere la massima partecipazione.

Il Presidente del Comitato dei Sindaci

Ing. Roberto Barbagallo

us

ACIREALE: BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI 2016

Acireale – Il sindaco, Roberto Barbagallo, e l’assessore alle Politiche Sociali, Adele D’Anna, rendono noto che sono aperti i termini per la presentazione delle domande per ottenere i contributi in favore degli inquilini morosi incolpevoli – fondo anno 2016-.

Sono beneficiari dell’intervento i nuclei familiari titolari di contratto di locazione regolarmente registrato e relativo ad un’unità abitativa ad uso residenziale, che devono rilasciare a seguito di provvedimento esecutivo di sfratto per morosità.

L’inadempienza dei pagamenti deve essere causata esclusivamente dalla perdita o dalla riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare, intervenuta dopo la stipula del contratto.

REQUISITI E CRITERI NEL BANDO IN ALLEGATO

46455 Bando morosità incolpevole fondo 2016

us

Acireale Capomulini: Mare d’inverno 2017, Fare Verde “Il Mare è pieno di plastica”

Acireale Capomulini: Mare d’inverno 2017, Fare Verde “Il Mare è pieno di plastica”

Si è svolta ieri nella spiaggetta di Capomulini,  la manifestazione ‘Mare D’inverno 2017’ organizzata da Fare Verde con il Patrocinio del Comune di Acireale e che ha visto impegnati i volontari nella pulizia della spiaggia.

«Abbiamo trovato di tutto – ci racconta il responsabile di Fare Verde Acireale Sebastiano Zappalà, nell’intervista – scarpe, indumenti, lattine, ma le quantità maggiori le abbiamo riscontrate nella plastica, oltre un enorme quantità di bottiglie, non sono mancate sedie e ombrelloni, intere isole di plastica, che non fanno altro che avvelenare la flora e la fauna marina, finche non ci convinceremo ad avere rispetto, lasceremo ai nostri figli un mondo fatto di rifiuti».

Mare d’inverno  si svolge ogni anno a livello nazionale, l’ultima domenica di gennaio, e come ogni anno denuncia le cattive abitudini dell’uomo a danno dell’ambiente.

As

1 2 3 27